28 Luglio 2021

AndreaBonazza.info

Social-Blog ufficiale di Andrea Bonazza

Bentornati nel 1984, quello di Orwell e del pensiero unico

Bolzano, 10 settembre 

Il secondo giorno della retata censoria sui social-media ai danni di CasaPound e Forza Nuova, vede come sempre dal ’43 due fronti contrapposti; da una parte i vari rosso-fucsia Fiano, Boldrini, Zingaretti, ma anche giornalisti di Repubblica e L’Espresso esultare per l’opera di censura in barba alla tanto invocata “libertà di informazione”, e dall’altra esponenti del fronte sovranista ed esempi del giornalismo libero e non allineato, come Sgarbi, Donazzan, Storace, Feltri e gli amici de il Primato Nazionale Francesco Polacchi e Davide Di Stefano. 

Continui attestati di solidarietà a CasaPound arrivano in queste ore da diverse voci disgustate dall’azione repressiva del gigante multinazionale USA Facebook, contro i movimenti politici colpiti in queste ore, tra cui anche le pagine regionali di Cpi in Trentino Alto Adige e i suoi responsabili politici e istituzionali come il sottoscritto e i consiglieri Sandro Trigolo e Maurizio Puglisi Ghizzi, e i responsabili trentini Matteo Negri e Filippo Castaldini.

Se non fosse così odioso, termine tanto in voga per giustificare la ghigliottina social, farebbe ridere il fatto che questi signori al servizio del pensiero unico globale non perdano occasione per attaccare mediaticamente i governi non allineati come la Russia di Vladimir Putin, la Siria di Bashar al-Assad, la Corea del Nord di Kim Yong-Un e altri Stati sovrani puntualmente nel mirino della galassia mediatica progressista. Ma taluni incoerenti personaggi ancora una volta mostrano il loro vero volto ricoperto dai brufoli dell’ipocrisia e della capricciosa volontà di vincere ogni partita a tavolino. Senza la corretta competizione e senza che, cosa assai peggiore, i popoli riescano a maturare una propria idea individuale o collettiva, libera dalla omologazione da essi imposta.

Ricordandovi che dopo il “castigo” di Zuckerberg potete comunque continuare a seguirmi su Twitter, Youtube, Telegram, VK e questo mio nuovo blog, vi propongo i video degli amici de il Primato Nazionale, Francesco Polacchi e Davide Di Stefano, in cui ci spiegano la gravità di questa vergognoso attacco alla libertà di espressione e informazione. 

Andrea Bonazza