28 Luglio 2021

AndreaBonazza.info

Social-Blog ufficiale di Andrea Bonazza

Le esplosioni di una Beirut impenetrabile se non dal suo porto

Come molti italiani, militari o volontari, a Beirut ci sono stato e posso dirvi che vi sono checkpoint dell’esercito libanese ad ogni chilometro, sopratutto in prossimità del porto e dell’aeroporto, oltre che all’entrata di ogni quartiere, sia esso economico, commerciale, popolare o Hezbollah.
Oltre alla fitta rete di controlli militari, il Libano ha un ottimo servizio di intelligence di sicurezza interna che, tra l’altro, collabora rispettosamente anche con le nostre Forze Armate impegnate per la pace in Medioriente.
Un Medioriente in perenne guerra che proprio qui trova uno dei suoi punti nevralgici per le strategie geopolitiche sia arabe che occidentali.

Forse mi sbaglierò ma, il fatto che le gigantesche esplosioni di oggi siano avvenute proprio al porto, mi fa pensare che non sono per nulla casuali e, dalle immagini diffuse in mondovisione, difficilmente possono essere il solo risultato dello scoppio di una fabbrica di fuochi d’artificio.
In un Paese già piegato da una crisi economica, che va in contro ad una carestia senza precedenti, e politica, tra fazioni sunnite, sciite e maronite, con una corruzione importata da occidente, al centro di guerre confinanti con Israele che nei giorni scorsi ha intensificato gli attacchi al sud del Libano e della sorella Siria… Quale potrebbe essere quindi la causa di queste esplosioni che al momento hanno causato decine e decine di morti e oltre 2mila feriti?

Penetrare nella capitale libanese con un ordigno di simile portata distruttiva sarebbe praticamente impossibile anche per il Mossad, nonostante le minacce di questa mattina del premier sionista Netanyahu contro il Partito di Dio.
Detonare invece una bomba nell’area portuale, che sia a causa di un terribile incidente o a scopo di aggressione bellica, potrebbe essere la tragica realtà dei fatti. Potrebbe…

Per rispetto dei morti evito di pubblicarvi le tremende immagini che mi stanno inviando gli amici siriani e libanesi a cui và la mia più grande solidarietà. 🇮🇹🇱🇧
شرف · · تضحية وفاء

Andrea Bonazza