19 Settembre 2021

AndreaBonazza.info

Social-Blog ufficiale di Andrea Bonazza

Con Cpi a Pozzallo contro sbarchi e immigrazione

Questa mia nuova trasferta in Sicilia inizia con l’importante manifestazione di CasaPound contro l’immigrazione che da anni affligge l’isola e, di conseguenza, l’intera nazione. Il luogo scelto per la protesta è una delle mete di sbarco clandestino delle rotte migratorie. La città marittima di Pozzallo, già pesantemente sovraccaricata di immigrati e centri di accoglienza, negli ultimi giorni è stata teatro di disordini e incendi ad opera di immigrati in uno dei suoi “hub”. Manifestare contro il sistema immigrazione qui in Sicilia, a Pozzallo, è per noi un dovere che dovrebbe assumere grande priorità nell’agenda politica nazionale. Soprattutto nell’agenda di chi continua a rendersi complice del disastro politico e sociale italiano.

Andrea Bonazza

CasaPound, manifestazione contro l’immigrazione clandestina, “Pozzallo non deve essere dimenticata”

Ragusa, 22 agosto – “A difesa dei sacri confini”, questo il testo esposto dai militanti di CasaPound durante la manifestazione organizzata a Pozzallo, dove è presente un hub per l’accoglienza degli immigrati e dove si sono verificati diversi incidenti dovuti al gran numero di sbarchi.

“Non possiamo permettere – dichiara Luca Marsella, tra i responsabili nazionali del movimento – che Pozzallo continui a subire le conseguenze di un’immigrazione selvaggia e incontrollata. La Sicilia è diventata simbolo dell’incapacità del governo di gestire un problema che dovrebbe essere affrontato, invece, con la massima attenzione e competenza: continui sbarchi, sovraffollamento, tensioni sociali sono ormai all’ordine del giorno, come dimostra l’incendio appiccato nell’hub qualche giorno fa dagli stessi immigrati. Anche se ormai lontani dai riflettori, tutti puntati sulla questione covid, gli sbarchi non si sono mai fermati e da parte di politica e autorità non ci sono risposte: non è accettabile, tanto più in un momento di crisi economica e sanitaria. Per questo motivo abbiamo voluto organizzare questa manifestazione: mentre a Palazzo Chigi si dimenticano o fingono di dimenticare il problema, noi ci schieriamo nuovamente a difesa dei confini italiani ed europei, sacri e inviolabili, fondati sul sacrificio dei nostri padri”.

 foto: Andrea Bonazza